Argomenti all’ordine del giorno – Assemblea ordinaria 2022

    Fissa un appuntamento

    BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASTAGNETO CARDUCCI, in qualità di Titolare del trattamento, La informa che i Suoi dati personali saranno trattati esclusivamente per la gestione delle Sue richieste e che saranno trattati esclusivamente i dati da Lei forniti in tale occasione. La base giuridica del trattamento è la necessità di esecuzione della Sua richiesta, nel rispetto dell’articolo 6, paragrafo 1, lettera b), GDPR, pertanto non è necessaria l’acquisizione di un Suo preventivo consenso al trattamento. I dati raccolti per tale finalità saranno trattati per il tempo strettamente necessario a soddisfare la Sua richiesta o per eventuali obblighi di legge. Il Titolare La invita, inoltre, prima di conferire i Suoi dati personali, a visionare l’informativa completa sul trattamento dei Suoi dati personali, rilasciata nel rispetto dell’articolo 13 Regolamento (UE) 2016/679, accessibile al seguente link. Presa visione dell’Informativa, autorizzo il trattamento delle categorie particolari dei miei dati personali per la finalità di gestione delle mie richieste.

    Vuoi un appuntamento?

    Contattaci

    Argomenti all’ordine del giorno – Assemblea ordinaria 2022

    Argomenti posti all’ordine del giorno dell’Assemblea ordinaria

    Si forniscono di seguito le relazioni illustrative dei punti all’ordine del giorno dell’Assemblea ordinaria

    1. Approvazione del Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2021, costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico e dalla Nota Integrativa, corredato dalle relazioni del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale e della Società di revisione. Proposta di riparto dell’utile di esercizio. Deliberazioni conseguenti

    Il punto 1 all’ordine del giorno – Presentazione e approvazione del bilancio al 31 dicembre 2021: deliberazioni conseguenti – prevede che l’Assemblea approvi il bilancio al 31 dicembre 2021 e deliberi in merito alla destinazione ed alla distribuzione dell’utile risultante dal bilancio d’esercizio.

    Si precisa che la documentazione relativa al bilancio, composta da stato patrimoniale, conto economico, prospetto delle variazioni del patrimonio netto, prospetto della redditività complessiva, prospetto di rendiconto finanziario e nota integrativa, nonché dalla relazione sulla gestione del Consiglio di Amministrazione, dalla relazione del Collegio Sindacale e dalla relazione della Società di Revisione incaricata del controllo contabile, è depositata presso la sede sociale, a disposizione dei Soci, per il periodo previsto dalla legge e che la stessa è disponibile ai soci su sito internet della Banca a questa pagina.

    L’utile d’esercizio ammonta ad euro 4.006.458
    Si propone all’Assemblea di procedere alla seguente ripartizione:

    Alla Riserva legale 2.810.000
    Ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione 120.194
    A disposizione del Consiglio per finalità di beneficenza o mutualità 150.000
    Dividendi ai soci 318.569
    Alla Riserva statutaria 607.695

     

    2. Informativa relativa all’adozione da parte del Consiglio di Amministrazione delle modifiche allo Statuto sociale per conformarlo alle previsioni del 35° aggiornamento della circolare 285/2013 della Banca d’Italia

    Il punto 2 all’ordine del giorno – Informativa sull’adozione delle modifiche allo Statuto Sociale – non prevede per l’Assemblea alcuna operazione di voto, trattandosi di un’informativa.

    Con l’emanazione del 35° aggiornamento della Circolare nr. 285 del 17 dicembre 2013 della Banca d’Italia, l’Assemblea prende atto di alcune prescrizioni approvate dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 24 marzo 2022 che comportano l’introduzione nello Statuto tipo della Banca delle disposizioni in tema di:

    • rispetto delle quote di genere relativamente alla composizione degli organi di amministrazione e controllo delle Banche Affiliate;
    • indicazioni nella composizione degli eventuali Comitati Endoconsiliari delle Banche Affiliate.

    Sono altresì introdotte disposizioni che attribuiscono alla competenza esclusiva dell’organo amministrativo della Banca Affiliata le decisioni concernenti (i) l’approvazione, il riesame, l’aggiornamento del piano di risanamento, (ii) l’adozione di interventi di modifica richiesti dall’Autorità di Vigilanza e (iii) l’adozione delle misure previste dal piano di risanamento.

    Il provvedimento di accertamento ex art. 56 del TUB, a fronte dell’istanza trasmessa alla stessa dalla Capogruppo in data 10 gennaio 2022, è stato rilasciato dalla Banca Centrale Europea in data 11 marzo 2022. A valle degli adempimenti pubblicitari presso il Registro delle Imprese, le modifiche statutarie hanno acquisito piena efficacia.

     

    3. Modifica del Regolamento Assembleare ed elettorale

    Il punto 3 all’ordine del giorno – Modifica del Regolamento Assembleare ed elettorale – prevede l’approvazione da parte dell’Assemblea delle modifiche al Regolamento Assembleare.
    Si segnala la necessità di condurre la revisione del Regolamento Assembleare ed Elettorale vigente alla luce delle novità normative introdotte per effetto del Decreto Ministeriale 169/2020, della Circolare del 5 maggio 2021 della Banca d’Italia attuativa di suddetto Decreto, e dell’aggiornamento n. 35 della Circolare 285/2013 della Banca d’Italia in tema di Governo Societario.

    Regolamento Assembleare ed elettorale

     

    4. Approvazione delle politiche di remunerazione e incentivazione, comprensive dei criteri per la determinazione dei compensi in caso di conclusione anticipata del rapporto di lavoro o cessazione anticipata della carica. Informativa all’Assemblea sull’attuazione delle politiche 2021

    Il punto 4 all’ordine del giorno – Approvazione delle Politiche di remunerazione e incentivazione, comprensive dei criteri per la determinazione dei compensi in caso di conclusione anticipata del rapporto di lavoro o cessazione anticipata della carica. Informativa all’Assemblea sull’attuazione delle Politiche 2021 – prevede che l’Assemblea approvi le Politiche di remunerazione e incentivazione, comprensive dei criteri per la determinazione dei compensi in caso di conclusione anticipata del rapporto di lavoro o cessazione anticipata della carica nonché prenda atto dell’informativa sull’attuazione delle Politiche 2021.

     

    5. Determinazione dei compensi e dei rimborsi spese agli amministratori ed al Collegio Sindacale

    Il punto 5 all’ordine del giorno – Determinazione dei compensi e dei rimborsi spese agli amministratori ed al Collegio Sindacale – prevede che l’Assemblea definisca i compensi per gli Amministratori ed i Sindaci della Banca.

    Si precisa che:
    – lo Statuto vigente prevede all’articolo 32.2 che sia l’Assemblea dei soci a determinare i compensi spettanti agli organi dalla stessa nominati;
    – il Gruppo Cassa Centrale Banca, al fine di dare uniformità ai compensi corrisposti agli organi sociali e di graduarli alla dimensione della Banca e di conseguenza all’assunzione di responsabilità e di impegno che ne consegue, ha emanato per tutte le Banche Affiliate le Linee guida per la determinazione dei compensi degli Organi Sociali, nelle quali vengono definiti i valori di riferimento per la determinazione dei compensi dei componenti il Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale.

    In considerazione di quanto sopra, si propone all’Assemblea di confermare i compensi fissi annui nella misura attualmente prevista.

     

    6. Determinazione, ai sensi dell’art. 23 dello Statuto, su proposta del Consiglio di Amministrazione, dell’importo (sovrapprezzo) che deve essere versato in aggiunta al valore nominale di ogni azione sottoscritta dai nuovi soci

    Il punto 6 all’ordine del giorno – Determinazione, ai sensi dell’art. 23 dello Statuto, su proposta del Consiglio di Amministrazione, dell’importo (sovrapprezzo) che deve essere versato in aggiunta al valore nominale di ogni azione sottoscritta dai nuovi soci – prevede che l’Assemblea definisca l’importo (sovrapprezzo) che deve essere versato in aggiunta al valore nominale di ogni azione sottoscritta dai nuovi soci.

    La proposta che verrà sottoposta all’approvazione è di confermare in Euro 5,00 (cinque/00) per azione l’importo del sovrapprezzo.

     

    7. Determinazione, ai sensi dell’art. 32.1 dello Statuto, dell’ammontare massimo delle esposizioni come definite dalla disciplina prudenziale in materia di grandi esposizioni, che possono essere assunte nei confronti dei soci e clienti

    Il punto 7 all’ordine del giorno – Determinazione, ai sensi dell’art. 32.1 dello Statuto, dell’ammontare massimo delle esposizioni come definite dalla disciplina prudenziale in materia di grandi esposizioni, che possono essere assunte nei confronti dei soci e clienti – prevede che l’Assemblea determini su proposta del Consiglio di Amministrazione, dell’ammontare massimo delle posizioni di rischio, così come definite dalla disciplina prudenziale in materia di concentrazione di rischi.
    Si propone all’Assemblea di confermare gli attuali limiti, riferibili a quanto contenuto nelle Disposizioni di vigilanza di riferimento (25% del capitale ammissibile) e di osservare l’ulteriore soglia del 9% del capitale ammissibile per il coinvolgimento della Capogruppo nell’iter di concessione secondo quanto disciplinato dal nuovo Regolamento del Credito adottato dalla Banca in conformità alle disposizioni della Capogruppo.

     

    8. Governo societario: informativa all’Assemblea degli esiti dell’autovalutazione degli organi sociali

    Il punto 8 all’ordine del giorno – Governo societario: informativa all’Assemblea degli esiti dell’autovalutazione degli organi sociali – non prevede per l’Assemblea alcuna operazione di voto, trattandosi di un’informativa.

    Si rammenta che il Consiglio di Amministrazione ed il Collegio Sindacale sono tenuti a condurre periodiche autovalutazioni sulla composizione e funzionalità ed informare pertanto degli esiti di tale valutazione l’Assemblea dei Soci. Tale informativa deve riguardare le principali considerazioni emerse nel processo di autovalutazione, con particolare riferimento agli ambiti di miglioramento individuati da entrambi gli organi sociali.
    Si ricorda altresì l’importanza del processo di autovalutazione, non soltanto dal punto di vista normativo, in ottemperanza alle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e buon governo societario delle Banche, ma soprattutto in relazione all’obiettivo di un miglioramento continuo e sostanziale della qualità complessiva della governance della Banca.
    Con questo fine, il Consiglio di Amministrazione, insieme al Collegio Sindacale, è chiamato quindi a condurre periodicamente un processo di autovalutazione sui temi fondamentali quali: l’attività di governo, la gestione ed il controllo dei rischi ed il conseguente esercizio dei propri ruoli, considerandone le dimensioni di professionalità e composizione, nonché le regole di funzionamento, avendo cura di formalizzare le eventuali azioni intraprese per rimediare ai punti di debolezza identificati.

     

    9. Nomina di n. 2 Amministratori in sostituzione degli Amministratori cessati ai sensi dell’art. 2386 cod. civ.

    Il punto 9 all’ordine del giorno – Nomina di n. 2 Amministratori in sostituzione degli Amministratori cessati ai sensi dell’art. 2386 cod. civ. – prevede che l’Assemblea elegga due amministratori in sostituzione dei due cessati nell’esercizio a seguito di dimissioni, Scappini Alessandro e Irrera Francesco.

    Si richiamano gli articoli statutari che regolano la composizione, il numero ed i requisiti in capo ai componenti dell’eligendo Consiglio, ricordando in particolare che:
    – l’articolo 34.1 prevede che il consiglio di amministrazione è composto da 5 a 9 amministratori eletti di norma dall’assemblea fra i Soci (fermo quanto diversamente previsto agli articoli 24.5. (b) e (c) e 34.2. del presente Statuto), previa determinazione del loro numero. Le modalità di nomina sono disciplinate nel Regolamento Elettorale adottato dalla Società;
    – tutti gli amministratori debbono essere idonei allo svolgimento dell’incarico, possedere i requisiti di professionalità, onorabilità, rispettare i criteri di competenza, correttezza e dedizione di tempo nonché gli ulteriori requisiti prescritti dalla normativa tempo per tempo vigente.

    Si informano i Soci che, entro i termini previsti dall’art. 26.2 del Regolamento Assembleare, è stata depositata una lista.

    Si ricorda infine ai Soci che nella Assemblea dei Soci del 6 luglio 2020, è stato approvato il nuovo Regolamento Assembleare ed Elettorale avente lo scopo di disciplinare, nell’ambito delle disposizioni di legge e di Statuto, l’elezione delle cariche sociali della Banca con riguardo, in particolare:
    – all’iter e alle modalità di presentazione delle candidature;
    – alla verifica dei requisiti da parte della Commissione Elettorale;
    – alla fase di consultazione delle candidature da parte della Capogruppo;
    – alla pubblicazione dei nominativi dei candidati, fino alle modalità di votazione e di scrutinio al quale, pertanto, ora si fa riferimento.

    Si ricorda infatti che è stabilito dall’articolo 26.6 del Regolamento Assembleare ed Elettorale che la Commissione Elettorale della Banca accerti la regolarità formale delle candidature presentate e la sussistenza in capo ai candidati dei requisiti previsti per legge e per statuto sociale.
    La Commissione Elettorale, in data 9 marzo 2021, assicurando la corretta applicazione delle norme di legge, del Contratto di Coesione e dello Statuto, in ottemperanza al combinato disposto degli art. 2.4 e 3.1 del Regolamento sulla procedura di consultazione per l’elezione delle cariche sociali delle Banche Affiliate ha accertato la regolarità formale delle candidature, nonché la sussistenza in capo a ciascun candidato di tutti i requisiti previsti dalla normativa vigente, dallo Statuto, e dal Modello per la definizione della composizione quali-quantitativa ottimale delle Banche Affiliate approvato dal Consiglio di Amministrazione.
    La sintesi della analisi sopra descritta e dei relativi risultati è stata formalizzata in un’apposita relazione trasmessa alla Capogruppo in data 15/03/2021 ai fini della procedura di consultazione come disciplinato dal “Regolamento sulla procedura di consultazione per l’elezione delle cariche sociali delle Banche Affiliate”.

    In data 14 gennaio 2022, la Capogruppo ha comunicato che, per l’anno in corso, in caso di nomine o rinnovi degli esponenti, troverà applicazione la procedura di consultazione semplificata. Il procedimento di consultazione preventiva della Capogruppo sarebbe stato dunque eventualmente avviato solo a fronte di preventiva comunicazione scritta da parte della Capogruppo medesima.

    Pertanto, si può ora procedere all’elezione dei candidati in conformità:
    – allo Statuto Sociale;
    – al Regolamento Assembleare ed Elettorale;
    – al Regolamento sulla procedura di consultazione per l’elezione delle cariche sociali delle Banche Affiliate.

    A seguito della chiusura della procedura per esprimere il diritto alla candidatura da parte dei Soci (a questa pagina del sito della Banca), vengono di seguito presentate le candidature ammesse all’elezione per la sostituzione dei n. 2 componenti cessati del Consiglio di Amministrazione.

    LISTA N. 1 – candidati

    • CAROLINI LEONARDO, nato a Piombino il 08/01/1964, c.f. CRLLRD64A08G687D; Curriculum Vitae
    • CECCONI LETIZIA, nata a Cecina il 22/09/1974, c.f. CCCLTZ74P62C415S; Curriculum Vitae

    Si precisa che, ai sensi dell’articolo 35 dello Statuto sociale, gli Amministratori ora nominati scadranno alla data dell’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo all’ultimo esercizio della loro carica.
    Si riporta di seguito il contenuto dell’articolo 28, commi 2, 3 e 4 del Regolamento Assembleare riguardante le modalità di voto
    28.2. I soci potranno esprimere il proprio voto secondo una delle seguenti modalità:
    a) voto di lista: applicando un segno di barratura in corrispondenza della lista prescelta;
    b) voto ai candidati appartenenti alle liste: applicando un segno di barratura in corrispondenza del nome dei singoli candidati delle liste;
    c) voto ai candidati non appartenenti ad alcuna lista: applicando un segno di barratura in corrispondenza della singola candidatura spontanea.
    28.3. Il socio non può esprimere un numero di preferenze maggiore, per ciascun organo sociale, al numero dei candidati alle Cariche Sociali da eleggere.
    28.4. Ai fini del computo e della validità del voto, è stabilito quanto segue:
    a) per le schede che portano il solo voto di lista, si intendono votati tutti i candidati della lista, indicati in ordine progressivo e tenuto conto di eventuali rinunce o impedimenti successivi alla pubblicazione di cui al precedente art. 26.9, sino al numero dei componenti l’organo da eleggere come determinato dall’assemblea (a fini interpretativi: qualora l’assemblea abbia deliberato l’elezione di un Consiglio di Amministrazione di 7 componenti e la lista presentata e votata contenga 14 componenti, si intenderanno votati i primi 7 candidati della lista secondo l’ordine progressivo di elencazione);
    b) per le schede che portano il voto ai singoli candidati, si intendono votati solo i candidati prescelti;
    c) le schede che portano un numero di preferenze espresse inferiore a quello delle Cariche Sociali da eleggere determinato dall’assemblea, saranno considerate valide per i soli nominativi votati;
    d) le schede che portano un numero di preferenze espresse superiore a quello delle Cariche Sociali da eleggere determinato dall’assemblea saranno considerate nulle;
    e) le schede che riportano più voti di lista o che assieme al voto di lista esprimono delle preferenze a favore di candidati di altre liste e/o a favore di nominativi non candidati in alcuna lista saranno considerate nulle;
    f) le schede che portano un voto di lista e che assieme al voto di lista esprimono delle preferenze a favore di candidati della stessa lista saranno considerate valide per i soli nominativi votati;
    g) le schede che evidenziano segni che possano inficiare la segretezza del voto, o abrasioni, saranno considerate nulle;
    h) le schede che non riportano alcuna espressione di voto si considerano schede bianche.

     

    10. Stipula della polizza relativa alla responsabilità civile e infortuni professionali (ed extra-professionali) degli Amministratori e Sindaci

    Il punto 10 all’ordine del giorno – Stipula della polizza relativa alla responsabilità civile e infortuni professionali (ed extra-professionali) degli Amministratori e Sindaci – prevede che l’Assemblea definisca la polizza relativa alla responsabilità civile e infortuni professionali (ed extra-professionali) e kasko degli Amministratori e Sindaci.

    Al riguardo si informano i Soci che le Politiche di Remunerazione ed incentivazione approvate prevedono che Amministratori e Sindaci siano destinatari di polizza assicurativa infortuni, kasko e responsabilità civile amministratori (D&O), fatta eccezione per i danni conseguenti a dolo.

    Per il corrente esercizio il Consiglio di Amministrazione propone di stipulare tali polizze (infortuni, kasko e responsabilità civile) prevedendo una spesa complessiva massima di Euro 30.000 e prevedendo un massimale aggregato di Euro 7.500.000.

     

    11. Informativa in merito all’Aggiornamento del Regolamento di Gruppo per la gestione delle operazioni con soggetti collegati

    Il punto 11 all’ordine del giorno – Informativa in merito all’Aggiornamento del Regolamento di Gruppo per la gestione delle operazioni con soggetti collegati – non prevede per l’Assemblea alcuna operazione di voto, trattandosi di un’informativa. Si ricorda che:

    • tale regolamento è stato approvato per la prima volta dal Consiglio di Amministrazione della Capogruppo nella seduta del 27/02/2019;
    • in conformità con quanto previsto dalle Disposizioni, la Capogruppo approva e rivede con una cadenza almeno triennale le politiche interne in materia di controlli sulle attività di rischio e sui conflitti di interesse nei confronti di Soggetti Collegati stabilite nell’ambito del Regolamento;
    • il Regolamento disciplina sia le politiche interne in materia di controlli sulle attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati che le procedure deliberative applicabili alle operazioni con tali soggetti;
    • il Regolamento si applica alla Capogruppo ed alle Società del Gruppo Bancario che sono tenute ad adottarlo alla prima adunanza utile dei rispettivi Consigli di Amministrazione per recepimento e relativa attuazione;
    • la normativa vigente richiede altresì che il Regolamento venga portato a conoscenza dell’Assemblea dei soci.

    Ciò premesso, si informano i Soci che il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo, nel corso della seduta del 02 dicembre 2021, previa acquisizione dei pareri richiesti dalla normativa, ha deliberato l’aggiornamento del “Regolamento di Gruppo per la Gestione delle operazioni con soggetti collegati”, resosi necessario oltre che per recepire le modifiche normative introdotte con il 33° aggiornamento della Circolare 285, anche al fine di raccogliere l’invito formulato dal Comitato Amministratori Indipendenti della Capogruppo, nell’ambito del parere espresso sulla prima versione del Regolamento, in merito all’opportunità di rivalutare i contenuti dello stesso dopo una prima fase di applicazione.
    La versione aggiornata del Regolamento fornisce attuazione anche alle previsioni di cui all’articolo 88 della direttiva 2013/36/UE, recepite nell’ordinamento italiano dalla Banca d’Italia con l’atto di emanazione del 35° aggiornamento della Circolare 285  (Parte Terza, Capitolo 11) di Banca d’Italia.

    Si informano quindi i Soci:

    • che il Regolamento in parola è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione della Banca nella seduta del 24 febbraio 2022 previa acquisizione del parere vincolante dell’amministratore indipendente nonché del Collegio Sindacale, quale giudizio in merito alla complessiva idoneità dei processi a conseguire gli obiettivi delle Disposizioni;
    • che la Banca ha recepito le soglie di importo esiguo definite dalla Capogruppo.

    Regolamento di Gruppo gestione operazioni con soggetti collegati

     

    12. Informativa in merito a determinate operazioni con soggetti collegati

    La propensione al rischio è definita anche in termini di misura massima delle attività di rischio verso la totalità dei Soggetti collegati, cumulativamente intesi; in particolare, l’assunzione di attività di rischio nei confronti dei soggetti collegati è contenuta all’interno di limiti riferiti ai fondi propri a livello individuale.
    Si propone all’Assemblea di confermare gli attuali limiti:

    • 20% dei Fondi propri quale limite alle attività di rischio per ciascun soggetto collegato, ridotto al 5% per gli Esponenti Aziendali;
    • 20% (come soglia di allerta) e 25% (come soglia massima) dei Fondi Propri, quale limite di esposizione complessiva ponderata ai fini dei grandi rischi nei confronti della totalità dei soggetti collegati.

     

     

      Fissa un appuntamento

      BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASTAGNETO CARDUCCI, in qualità di Titolare del trattamento, La informa che i Suoi dati personali saranno trattati esclusivamente per la gestione delle Sue richieste e che saranno trattati esclusivamente i dati da Lei forniti in tale occasione. La base giuridica del trattamento è la necessità di esecuzione della Sua richiesta, nel rispetto dell’articolo 6, paragrafo 1, lettera b), GDPR, pertanto non è necessaria l’acquisizione di un Suo preventivo consenso al trattamento. I dati raccolti per tale finalità saranno trattati per il tempo strettamente necessario a soddisfare la Sua richiesta o per eventuali obblighi di legge. Il Titolare La invita, inoltre, prima di conferire i Suoi dati personali, a visionare l’informativa completa sul trattamento dei Suoi dati personali, rilasciata nel rispetto dell’articolo 13 Regolamento (UE) 2016/679, accessibile al seguente link. Presa visione dell’Informativa, autorizzo il trattamento delle categorie particolari dei miei dati personali per la finalità di gestione delle mie richieste.

      Vuoi un appuntamento?

      Contattaci